Un pomeriggio alla Nolab Academy

Giovedì 26 settembre abbiamo avuto il piacere di partecipare ad un mini-corso di “pasticceria vegan, senza lattosio e glutine” organizzato da Nolab Academy di Milano.

Tre ore di corso per presentare basi, creme e decorazioni rigorosamente senza la presenza di lattosio o glutine e con ingredienti di origine non animale. Protagonisti sono stati dunque la farina di riso, mais, mandorle e nocciola, frutta come banana, lampone e avocado, cacao sia in polvere che in burro.

I pasticceri Morena del Sordo e Valerio Barallis, supportati dagli sponsor Lamponella tisane e abbattitori Fresco, ci hanno dimostrato che con una buona tecnica e fantasia la pasticceria vegana non ha nulla da invidiare alla pasticceria tradizionale.

I due chef che ci hanno accompagnato durante le ricette hanno saputo rispondere ai dubbi di tutti, ad esempio su come variare il gusto finale cambiando anche solo una singola spezia e su come si possa quindi ottenere versatilità per seguire le esigenze e i gusti personali.

Nolab minicorso 02

Morena, la Pastry di Soul Green, ha sempre e solo consigliato cose che aveva provato in prima persona, e Valerio, sublime esteta della pasticceria, ci ha incuriosito durante il momento delle decorazione creandone di spettacolari, che ci ha mostrato passaggio per passaggio.

Il menù del corso prevedeva molti piatti: un pan di spagna bianco e una pasta frolla in versione sia bianca che nera; una crema realizzabile al gusto di limone e curcuma, pistacchio, nocciole o cioccolato fondente; un coulis con purea di mango o lampone, mousse all’avocado, banana e cacao; un sorbetto realizzato con la tisana Lamponella; cialda corallo; tartufi al lampone con uno speciale trattamento degli anacardi… 

Nolab minicorso 03

E alla fine abbiamo potuto assaggiare tutto. La maggior parte dei piatti aveva sapori nuovi ma buoni: in particolare, la pasta frolla e il pan di spagna erano spettacolari nonostante avessero un gusto diverso rispetto a quello a cui siamo abituati mangiando prodotti a base di latte e burro.

Infatti quando si pensa a dolci di questo tipo di solito si immaginano situazioni al limite della follia (ad esempio per la ricerca degli ingredienti e del “giusto” sapore), invece grazie a questa esperienza abbiamo scoperto sia piatti delicati che molto saporiti, che ci hanno confermato che essere vegani (o costretti da un’allergia/intolleranza) non significa dover rinunciare ai dolci. Certo: il gusto cambia, ma il risultato resta buono.

Questa esperienza ci ha decisamente divertite, perché la scuola lo ha reso possibile: gli chef hanno tenuto alta l’attenzione e reso tutti partecipi durante le fasi di preparazione delle ricette.

A fine corso c’è stato anche un piccolo extra: tutti i piatti sono stati infatti fotografati dal Food Photographer Riccardo Alessio, chA ha allestito per l’occasione un mini set professionale.

Nolab food 04

Nolab food 01

Nolab food 02

In più, il giardino della sede di Nolab Academy, semplice ma curato, è stata la ciliegina sulla torta.

E’ lì infatti che abbiamo gustato la tisana e le nostre creazioni: senza forti rumori, sotto tiepidi raggi solari, tra i colori dei fiori da campo, siamo rimaste a mangiare i dolci appena sfornati pensando “sono a Milano ma non sono stressata”.

 Nolab Academy non è solo una scuola ma un polo di studio e ricerca dedicato al food, al fashion ed al design. Vi consigliamo di darci un’occhiata: www.nolabacademy.com

 

Ph: Riccardo Alessio https://riccardoalessio.format.com @r.a_riccardo.alessio
Stylist: Roberta Ceschi