Mobili buoni da...

Milano in questi giorni era tutto un pullulare di iniviative, eventi, ma soprattutto idee, cose da guardare, cose da scoprire, progetti davanti ai quali storcere il naso, o provare a capire senza riuscirvi o amarli nel giro di pochi secondi per piccole genialità da apprezzare anche se non sempre si bazzica l'ambiente. Quale ambiente? Vero, sto facendo un pò di confusione, tutta colpa della full immersione nel mondo del design.
Solo design, senza torte, perché a Milano, domenica scorsa, si è chiuso il Salone del Mobile, non un evento di design, ma l'evento di design più importante d'Italia, d'Europa, del mondo e dell'universo mondo. Ma si, esageriamo!
Solo design, quindi, o quasi, ma anche no. Perché, andando in giro, alla fine qualcosa che mi ha fatto pensare ai dolci l'ho comunque trovato.
E' un'idea, una riflessione di due giovani designers: un giapponese ed un portoghese. E detta così può fare pensare all'inizio di una barzelletta, invece no, la cosa è seria.
Ryosuke Fukusada e Rui Peirera si incontrano in uno studio di Milano, per entrambi è chiaro che l'industria del mobile va veloce e produce mobili e tendenze che a volte i consumatori fanno fatica a seguire, assimilare e digerire. Ecco, dunque, che nasce l'esigenza di un nuovo tipo di esperienza per approcciarsi agli oggetti che ci circondana. Trovano un modo e il loro progetto viene presentato a questo Salone del Mobile, appunto.
Insieme hanno lavorato per permetterci un nuovo modo di fruire i soliti complementi d'arredo, un modo nuovo e forse inusuale: mangiarli!
I mobili, in miniatura, non sono altro che dolcetti fatti con lo stampino, con una tecnica tradizionale giapponese chiamata "baby castella", per ottenere piccole torte, stavolta fatte con una pasta da dolci a base di uovo tipica portoghese chiamata "ovos moles". Ecco che cosa può succedere dall'incontra tra un giapponese ed un portoghese!
I vostri mobili sono serviti e magari decorati con un pò di zucchero a velo o del cioccolato o del miele! Del resto ci vuole un pizzico di fantasia e buon gusto, fate vobis. A noi non resta che dirvi buon appetito e buona digestione, perchè adessi si che riusciamo a digerire tutte le tendenze che ruotano intorno al mondo del mobile e del design!